Giovanissimi Nazionali Professionisti → Notizie di rilievo

Notizia del 02/03/2016

LAZIO, MISTER E RAGAZZI: "CARICHI IN VISTA DI UN FINALE IMPORTANTE"

La radio ufficiale della Lazio, Lazio Style fa il punto sull'ultima gara degli Aquilotti ascoltando i pareri dei protagonisti.

 

Mister Paolo Ruggeri: “Era una partita importante, impegnativa soprattutto dal punto di vista fisico. I ragazzi si sono comportati benissimo, bisognava vincerla per mantenere a distanza il Pescara. Giocavamo su un campo difficile, non era facile. L’obiettivo è ora arrivare il più in alto possibile. Per il secondo posto bisogna recuperare 7 punti in 5 gare: sono tanti, ma ci proviamo. Ci aspettano cinque finali, poi tireremo le somme. Le maglie del Teramo? Sta succedendo di tutto in quest’annata, possono sbagliare tutti. La squadra comunque ha carattere. Sono soddisfatto delle convocazioni dei miei giocatori con l’Under 17. L’obiettivo è far giocare sotto età quei ragazzi che sono pronti per affrontare un campionato più impegnativo. Potremmo fare lo stesso anche noi in futuro, come accaduto a Teramo con il portiere Scardetta”.

 

Jonathan Adusa: “È stata una bella emozione. Nel primo tempo gli avversari mi hanno preso di mira, ma grazie ai suggerimenti del mister sono riuscito a trovare il gol. Voglio fare bene a livello personale e con la squadra per arrivare alle finali. Essere il capocannoniere del gruppo, pur avendo giocato la metà delle partite, è una bella sensazione. Abbiamo dimostrato all’andata di potere combattere anche con la Roma. Loro hanno più qualità, noi invece siamo più squadra. Ce la giocheremo fino alla fine”.

 

Alessio Mengoni: “Oggi sono riuscito anche a non farmi ammonire (ride, ndr). Possiamo andare molto lontano e puntare alla vittoria del titolo. Pensiamo però partita dopo partita. Ci concentriamo sul Latina, poi si vedrà”.

 

Roberto De Angelis: “Posso giocare sia da centrocampista che difensore, sono due ruoli che ho ricoperto spesso in passato. L'importante è domunque il bene della squadra. La partita è stata combattuta, era decisiva per puntare in alto in classifica. Ho fatto pochi gol fin qui, spero di farne qualcuno in più prima della fine del campionato”.

 

Nicolò Armini: “Per me segnare è in secondo piano, cerco piuttosto di evitare che li facciano gli avversari. L’importante è comunque sempre la vittoria del gruppo”.