Giovanissimi Nazionali Professionisti → Notizie di rilievo

Notizia del 19/03/2016

ESCLUSIVA - AMATO, MISTER NOVARA: "SODDISFATTO DELLA VITTORIA NELL'ANNOVAZZI. TESTA A ENTELLA E CHIEVO. SUL NOSTRO CAMPIONATO..."

A margine del Torneo Annovazzi, giovanissimicampioni.it ha intervistato in esclusiva il tecnico del Novara, mister Alessandro Amato. Gli Azzurirni hanno superato la Giana e in campionato sono una vera mina vagante, capaci di essere costantemente in zona play off nel girone più complicato del panorama nazionale Under15.

 

Primo tempo controllato, secondo più in affanno: è soddisfatto dell'incontro?

"Nella prima frazione, il gol è stato il giusto riconoscimento per quanto abbiamo creato: nella ripresa, invece, siamo stati troppo lunghi e non abbiamo avuto più equilibrio. L'ottimo primo tempo ci ha forse "montato" la testa dato che molti hanno provato giocate individuali. Sono cose che dobbiamo evitare se vogliamo crescere. Sono soddisfatto del risultato, ci tenevamo a fare bella figura ed ora siamo giunti ai quarti di finale di questo torneo molto importante".

 

A proposito dei quarti, ora sotto con il Chievo: conosce l'avversario?

"Sappiamo che è tra le prime del girone C e se la gioca con l'Udinese per il primo posto. Sono un'ottima squadra ed il loro settore giovanile è molto preparato, l'anno scorso sono arrivati alle final eight. Sarà un bel test soprattutto per noi, vogliamo confrontarci con altre realtà".

 

In campionato, invece, il Novara è quarto e nell'ultima ha pareggiato contro la capolista Samp: la classifica rispecchia le previsioni di inizio anno?

"Sinceramente ce lo auguravamo ma non ce lo aspettavamo. Siamo nel girone più duro dell'intero campionato. Ce la giocheremo fino alla fine, con la Sampdoria abbiamo fatto la partita e meritavamo sicuramente di più. Ora andiamo a Chiavari, trasferta da non sottovalutare, anzi è la più dura che c'è nel nostro finale di campionato".

 

Qual è l'avversaria più forte che ha affrontato? E invece quali sono le favorite per la vittoria finale?

"Nel nostro girone, la più forte è la Sampdoria ma la più ostica, a mio avviso, è stata il Genoa. Sono fortissimi fisicamente ed accorti tatticamente in fase difensiva. La Juventus ha delle potenzialità ed individualità enormi e penso che se la giocherà per la vittoria finale. Tra le favorite penso che Atalanta, Roma, Napoli ed Inter abbiamo dimostrato di essere un gradino sopra le altre ma la corsa ai playoff è ancora lunga".

 

Favorevole o contrario alla riforma che dividerà i prossimi Giovanissimi Nazionali tra Serie A/B e Lega Pro?

"Non è facile prendere una posizione netta per il semplice fatto che comporterà trasferte più lunghe e costi maggiori a carico delle società. Novara-Genova sono tre ore di viaggio, la distanza poi si sente sul campo. Non sono giustificazioni perché, da calendario, tocca a tutti però gli effetti si notano. Nel nostro girone non c'è differenza tra categorie, noi siamo stati gli unici a perdere con la Pro Patria e sono stati tre punti che, nell'economia della stagione, rischiano di pesare molto. È anche vero che gli altri gironi però sono notevolmente spaccati, Napoli e Palermo fanno un campionato a sè, Fiorentina ed Empoli idem, Udinese Chievo e così via. Forse è più giusto separare le due categorie ma i "contro" non sono di poca importanza".

 

Matteo Pifferi